Agente0011 - Il futuro è nelle tue mani

AGENDA 2030 EDUCAZIONE DIGITALE

L'iniziativa di didattica digitale è dedicata da ActionAid a tutte le scuole italiane e alle associazioni giovanili, sportive e CAG, Agente0011 - Il futuro è nelle tue mani propone dal 2015 la propria metodologia di apprendimento “attivo”, con l’obiettivo di sensibilizzare e promuovere la comprensione critica e la mobilitazione dei più giovani sui temi dell’Agenda 2030 e degli SDGs. L’attuale dibattito pubblico sullo sviluppo sostenibile rende ormai indispensabile allargare l’ambito tematico anche alla non discriminazione e all’inclusione e interazione sociale.

Il portale e la community

 

Sul portale ragazze e ragazzi di tutta Italia si scambiano idee, opinioni e buone prassi, e sono chiamati a contribuire attivamente all’elaborazione di una cultura della sostenibilità autentica e originale. Il portale coinvolgere le scuole e il mondo dell’educazione informale (oratori, C.A.G. centri sportivi, associazioni giovanili…) permettendo a una fascia ampia di giovani di recepire e sperimentare l’intercultura, l’inclusione e la non discriminazione. Partecipare è semplicissimo, basta creare un team scegliendo una fascia d’età (5-10 anni, 11-13 anni, 14-19 anni).

Il concorso

 

N.B. In considerazione delle recenti disposizioni del Governo Italiano e del Ministero dell’Istruzione sull’emergenza da COVID-19, la scadenza del concorso di Agente00011 “La nostra comunità domani” viene prorogata a data da destinarsi. Comunicheremo le nuove date appena sarà possibile.

 

Il concorso “Agente 0011: il futuro è nelle tue mani!” chiede di realizzare un digital-tale dal titolo “La nostra Comunità domani”. Dovranno essere descritte le caratteristiche di una comunità ideale, ponendo particolare attenzione al tema della partecipazione civica, dell’inclusività, della non discriminazione, dell’equità e delle pari opportunità. I team di studenti sono invitati a cercare di collaborare con realtà anche diverse dalle proprie, cercando di stimolare gli agenti a riflettere sulle differenze, immaginando di creare insieme una comunità ideale che rispecchi le caratteristiche e l’immaginazione di entrambi i gruppi.