Fucking genius: il podcast scientifico di Massimo Temporelli diventa un libro

MONDO SCUOLA - 15 gennaio 2021

Dal podcast al libro

Il podcast da record Fucking Genius a firma di Massimo Temporelli è approdato su carta, cioè ha compiuto il percorso inverso rispetto a quanto avviene in epoca digitale. Non è soltanto il libro cartaceo a farsi racconto orale sotto forma di audiolibro: stavolta è la voce che diventa carta stampata. Il progetto del vulcanico divulgatore scientifico Massimo Temporelli è stato prodotto a puntate su Storielibere, una delle piattaforme di podcast più visitate dagli italiani. La collaborazione è iniziata nel 2018, ma è nel corso del 2020 che Fucking Genius ha battuto tutti i record di ascolto totalizzando qualcosa come un milione di download. Questo risultato straordinario ha attirato l'attenzione di una casa editrice come la HarperCollins, che ha lanciato un progetto crossmediale volto a celebrare il matrimonio tra parola scritta e parlato. Da un lato si intende avvicinare il lettore tradizionale al racconto orale, dall'altro lato si dà la possibilità agli ascoltatori del podcast Fucking Genius di seguire su carta l'appassionante racconto di Massimo Temporelli sulla vita e le idee di otto grandi innovatori.

 

Podcast al servizio della scienza

La convergenza tra l'editoria tradizionale e il settore dei podcast è quasi un unicum in Italia. È vero che il boom dei podcast si è registrato nel 2019, ma è stato il lockdown di inizio 2020 a imprimere una netta accelerazione a questo fenomeno in ascesa. Durante i primi mesi del 2020 gli ascolti in Italia sono stati quasi 16 milioni e fa impressione pensare che le prime 17 puntate di Fucking Genius abbiano in pratica monopolizzato l'attenzione degli ascoltatori. Siamo dinanzi cioè a un fenomeno nel fenomeno e chi ha avuto modo di ascoltare anche soltanto un podcast di Massimo Temporelli saprà il perché. La voce di questo divulgatore avvince lo ascoltatore e lo porta alla scoperta dei lampi di genio che hanno illuminato il cammino della scienza e rivoluzionato le nostre vite. Sono otto i grandi innovatori scelti per l'edizione cartacea e si tratta delle figure più dirompenti e geniali della storia scientifica e tecnologica. Si va da Leonardo da Vinci a Isaac Newton, passando per Charles Darwin e Albert Einstein; da Marie Curie a Ada Lovelace, fino ai visionari Steve Jobs e Elon Musk.

 

Lampi di genio sulla strada accidentata della scienza

Secondo Edison il genio è per l'1% ispirazione e per il resto "traspirazione". Questa celebre definizione della genialità potrebbe tranquillamente rappresentare l'epigrafe del libro Fucking Genius, in cui l'autore racconta di come le brillanti illuminazioni degli otto scienziati scelti siano state precedute e seguite da avversità di ogni tipo. Il titolo stesso del libro e del podcast la dice lunga su quante resistenze abbiano incontrato in vita questi grandissimi geni e su come, nonostante tutto, siano riusciti in epoche diverse a cambiare il corso della storia. Le numerose conquiste della scienza sono certamente il frutto di lavori collettivi e saperi condivisi, ma determinate accelerazioni storiche sono state portate avanti da singoli scienziati, quasi sempre fuori dagli schemi e spesso irriverenti. Quando sono entrati in scena Albert Einstein e Isaac Newton, Steve Jobs e Leonardo da vinci, il continuum della storia ha subito un sussulto di un certo rilievo. Per dirla con Massimo Temporelli, le otto "regole del genio" hanno dettato legge nell'epoca in cui hanno fatto la comparsa.

 

Il risveglio del genio

L'autore è un divulgatore scientifico che ha ricostruito la vita e le straordinarie opere degli otto grandi ingegni e lo ha fatto calandoli perfettamente nel contesto storico in cui sono vissuti. Per cui il lettore-ascoltatore sarà letteralmente trascinato in un altro secolo e invitato a soffermarsi sugli scetticismi che il lavoro di questi innovatori ha suscitato nella comunità scientifica dell'epoca. L'obiettivo dichiarato di Temporelli è triplice: far conoscere le idee più brillanti della storia della tecnologia, appassionare i profani in materia e risvegliare il genio che dorme nei lettori più giovani. Chi pensa che la cultura scientifica in Italia venga spesso trascurata, potrebbe ricredersi alla luce del successo ottenuto dalla serie di podcast Fucking Genius. Ammesso che la facoltà affabulatoria dell'autore non abbia giocato un ruolo determinante. Non tutti sanno però che lo stesso Temporelli, oltre che divulgatore scientifico, è un fisico sui generis e un innovatore nel suo piccolo. Secondo lui l'ultimo grande ingegno italiano in ambito tecnologico è stato Adriano Olivetti, scomparso ben 60 anni fa. Si chiede allora se non sia il caso di istituire in Italia dei corsi universitari che insegnino l'audacia e il "sano disprezzo per l'impossibile", per dirla con gli inventori di Google.

 

La passione del divulgatore scientifico

I podcast di Fucking Genius sono realizzati sulla falsariga dei Gettoni di Scienza editi dalla RAI, ma in quest'ultimo caso si ha a che fare con racconti lampo sulla vita dei più grandi scienziati della storia. I racconti di Massimo Temporelli hanno invece il respiro di narrazioni più dettagliate e ricche di spunti riflessivi, il tutto condito dalla voce suadente e coinvolgente del divulgatore. Non sorprende allora che il podcast audio sia diventato un libro, a prescindere dal numero di ascoltatori che ne ha decretato il successo sulla piattaforma Storielibere. A guidare il lavoro di divulgatore scientifico è la passione, piuttosto che l'esperienza e il mestiere. Lo stesso entusiasmo che anima Temporelli in ogni sua lezione, podcast o conferenza. La stessa passione che l'autore desidera trasferire ai suoi lettori più giovani, quando racconta storie di scienza e tecnologia. Il fine dichiarato è quello di illuminare le menti di chi si avvicina alla cultura scientifica e segnare un punto di svolta. È per questo motivo che Temporelli ama definirsi un "defibrillatore culturale" e non un semplice divulgatore. La speranza è che Fucking Genius appassioni e scaldi i cuori intorno alla tecnologia e alla scienza.

 

Le otto doti del perfetto innovatore

Gli otto grandi geni di Fucking Genius sono spesso rivoluzionari e anticonformisti, ma tutti quanti sono accomunati da visionarietà e lungimiranza. Quel che l'autore sostiene con forza è che queste figure hanno cambiato la storia tanto quanto Dante, Shakespeare e Picasso. Gli innovatori scientifici raccolti nel libro non sono stati scelti in base al successo riscosso dai singoli podcast, ma perché ciascuno di loro incarna una delle otto doti che ogni perfetto innovatore dovrebbe possedere per eccellere, dalla caparbietà all'autodeterminazione, dalla passione all'amore della competizione. Si parte con Darwin, l'innovatore giovane per antonomasia e colui che ha cambiato per sempre la traiettoria della specie umana. Ad ogni modo l'ordine dei capitoli scardina volutamente la successione dei singoli episodi del podcast ed esso stesso è pensato per raccontare una storia nella storia. Le parole impiegate sono quelle che hanno avvinto gli ascoltatori, ma i vari capitoli del libro sono concepiti in modo tale da comporre il quadro dell'innovatore perfetto.

 

Book Bike Tour

Il tour promozionale del libro Fucking Genius si è tenuto alla fine di settembre 2020 e ha inteso sia divulgare la cultura scientifica, sia lanciare un messaggio di sostenibilità. Si è trattato infatti di un Book Bike Tour con partenza dell'autore da Milano e arrivo a Messina, l'attraversamento di otto regioni e una copertura complessiva di oltre 800 km su due ruote. Il tour ha fatto tappa ogni giorno in una città diversa ed è stato raccontato in diretta da Massimo Temporelli sui suoi canali social. La sua passione della bicicletta gli ha permesso di unire sostenibilità e cultura tecnologica in un modo tanto originale quanto lo sono le idee formidabili degli innovatori di Fucking Genius. L'autore ha attraversato lo Stivale da nord a sud in sella alla sua bici e viaggiando in treno per brevi tratti. Lungo il tragitto Temporelli ha incontrato una serie di startupper e scienziati locali, con i quali ha condiviso esperienze e idee. La presentazione vera e propria del libro Fucking Genius si è tenuta di sera, ma è di giorno e tra una pedalata e l'altra che l'autore ha raccolto le sfide e i racconti più avvincenti. In fondo, innovare significa esplorare e fare fatica, questo è il messaggio lanciato a chiare lettere.