Orientarsi dopo il diploma tra difficoltà e opportunità

OCCHIO ALLE ISTITUZIONI - 18 gennaio 2022

“Che cosa farò dopo la maturità?”

È la domanda che attanaglia la maggior parte degli studenti e delle studentesse che si accingono a frequentare gli ultimi anni delle superiori. Il diploma è uno spartiacque importante: una grande soddisfazione ma anche un punto di partenza che può essere fonte di ansie e di incertezze. Ed è in questa fase così delicata della loro vita che ragazzi e ragazze assorbono come spugne i consigli, i moniti e le aspettative degli altri significativi che li circondano: i coetanei, la famiglia e, non da ultimo, gli insegnanti.

 

 

IL RUOLO DELL’INSEGNANTE NELL’ORIENTAMENTO

 

Il vostro è dunque un ruolo di accompagnamento fondamentale ed estremamente delicato, che può rafforzare la motivazione e dare supporto ma anche tarpare le ali ai meno sicuri di sé. Nella maggior parte delle scuole è infatti stata predisposta una figura ad hoc, il referente dell’orientamento, un docente che, esperto di counseling, è incaricato di coordinare il processo e le attività che accompagnano gli studenti e le loro famiglie nella definizione del proprio progetto formativo e nella gestione di particolari momenti di transizione, come, appunto, le scelte post-diploma.

 

È importante, però, che tutto il corpo docenti si attivi per aiutare gli studenti a divenire più consapevoli di sé e di tre aspetti fondamentali nella scelta del percorso futuro: la personalità, la motivazione e le capacità. Predisporre momenti di dialogo, impegnare gli studenti in progetti formativi in cui trovare ispirazione e mettere alla prova le proprie abilità, consigliare attività di orientamento sono sicuramente alternative valide per accompagnare i giovani nel processo di pianificazione del proprio futuro. Quali sono le tue attitudini? Che cosa ti motiva e ti piace fare? Che cosa sei bravo/a a fare? Sono queste alcune delle domande-stimolo che possono innescare una riflessione autentica su di sé e sui propri desideri.

 

Allo stesso tempo, però, è importante che desideri e motivazioni trovino una corrispondenza e un riscontro con le opportunità che l’ambiente offre. Le alternative post-diploma sono veramente tantissime e tutte ugualmente valide, ma è importante conoscerle per poter offrire agli studenti una panoramica quanto più esaustiva possibile. Alcuni giovani, infatti, rischiano di rimanere paralizzati di fronte all’aut-aut università o lavoro solo perché non sono correttamente informati sulle molteplici possibilità a loro disposizione.

 

 

CHE COSA FARE DOPO LA MATURITÁ: PERCORSI POSSIBILI

Scopriamo insieme i principali percorsi a disposizione degli studenti dopo la scuola secondaria:

  • Università - È forse è la scelta più diffusa, ma non dev’essere una decisione obbligata e scontata: necessita di sacrificio, di tanta motivazione e di una visione forte per provare a conciliare i propri interessi con un mondo del lavoro sempre più in evoluzione. Resta comunque una scelta validissima per chi desidera proseguire gli studi e arricchire il proprio bagaglio culturale, magari per specializzarsi in un ambito preciso. Inoltre, l’introduzione in alcuni campi delle lauree brevi (tre anni, anziché cinque) consente a chi lo desidera di combinare percorsi di studio diversificati e costruirsi un percorso personalizzato.
  • Istruzione Superiore non Universitaria - Si tratta di Scuole e Istituti che offrono una formazione di alto livello in vari settori, al di fuori del sistema universitario. Le principali Istituzioni presenti sul nostro territorio nazionale sono:
    • Istituzioni del sistema AFAM (Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica);
    • Istituzioni per la conservazione ed il restauro di beni culturali;
    • Centro Sperimentale di Cinematografia (già Scuola Nazionale di Cinema);
    • Scuole Superiori per Mediatori Linguistici;
    • Scuole di Archivistica, Paleografia e Diplomatica;
    • Accademie Militari e Istituti di Polizia
  • Istruzione Tecnica Superiore (ITS) - All’interno dell’Istruzione Superiore non Universitaria, meritano una menzione speciale gli ITS. Si tratta di percorsi di Alta Specializzazione Tecnica Post Diploma in sei Aree Tecnologiche strategiche (Efficienza energetica, Mobilità sostenibile, Nuove tecnologie della vita, Nuove tecnologie per il Made in Italy, Tecnologie innovative per i beni e le attività culturali, Tecnologie dell'informazione e della comunicazione). Sono una scelta eccellente per combinare formazione ed esperienza, in quanto offrono uno sviluppo altamente professionalizzante e prevedono la partecipazione a stage in azienda
  • Scuole di Formazione Professionale Regionali (FPR) - Sono corsi creati per sviluppare nuovi profili professionali necessari al mercato del lavoro o per riqualificare i profili già esistenti. Le materie insegnate sono pratiche e orientate all’inserimento lavorativo. Esistono, tra i FPR, anche una serie di corsi dedicati ai lavoratori in una prospettiva di lifelong learning.
  • Cercare un lavoro - Per chi desidera fare esperienza e rendersi indipendente, mettersi alla ricerca del lavoro rappresenta comunque una soluzione valida. Inoltre, nessuno vieta di continuare gli studi dopo esser entrato/a nel mondo del lavoro, magari iscrivendosi a un FPR!
  • Prendersi un anno sabbatico - Prendersi una pausa dagli studi può essere una strategia vincente per chi è incerto/a sul proprio futuro. Inoltre, una pausa non è sinonimo necessariamente di inattività! Si può svolgere qualche lavoretto, fare un viaggio all’esterno per imparare la lingua e conoscere persone nuove, magari come au pair. Sono comunque esperienze che arricchiscono il curriculum.

Infine, è importante ricordare ai giovani che la scelta non è definitiva: si può tornare indietro, cambiare idea, scegliere altre strade. Non ci sono tempistiche o percorsi prestabiliti, ma, come ricorda un famoso detto latino, Ognuno è artefice del proprio destino e può scrivere il proprio futuro come meglio crede.

 

 

UNA RISORSA A DISPOSIZIONE DEGLI STUDENTI: WONDERWHAT

 

Consapevoli delle difficoltà che comporta la scelta post-diploma, Noi di Scuola.net abbiamo ideato per voi docenti, e per i vostri studenti in particolare, WonderWhat, una piattaforma interamente dedicata all’orientamento scolastico. Un luogo sicuro, in cui trovare risposte, leggere storie, condividere esperienze, farsi ispirare e ascoltare consigli per affrontare con più tranquillità le scelte del futuro!