I 10 libri da leggere prima di compiere 20 anni

CREARE INSIEME - 15 luglio 2022

Il libro è una componente fondamentale nella crescita: apre la mente verso nuovi orizzonti, sviluppa la fantasia, aiuta a migliorare il proprio linguaggio e a diventare empatico. Importante in ogni fase della vita, diventa essenziale nell’adolescenza, quando i dubbi e le incertezze affollano la mente e si è alla ricerca della propria identità.

 

Per questa ragione nelle scuole si sta diffondendo la sana abitudine di assegnare agli studenti un libro da leggere tra classici della letteratura, romanzi d’avventura e saggi che trattano tematiche coinvolgenti. Spesso, per testare l’avvenuta lettura i docenti chiedono anche una breve relazione o semplicemente l’esposizione orale della trama: piccoli escamotage che avviano i giovani verso una delle attività più stimolanti per la loro età, la lettura.

Inoltre, assegnare romanzi o classici della letteratura da leggere può essere una soluzione efficace anche per i compiti delle vacanze per ripassare i temi affrontati in classe in maniera più divertente e coinvolgente

 

Come educare gli alunni alla lettura di libri

La lettura è un hobby e un piacere al pari dei videogiochi, del cinema e dei giochi all’aperto, ma talvolta può non essere percepita come tale dagli adolescenti già sommersi dallo studio e dai libri di testo. Per educare gli alunni alla lettura è dunque importantissimo che non venga imposta, ma consigliata come un’attività alternativa gratificante e interessante, un momento di arricchimento personale ma anche di divertimento.

Per incentivare i giovani alla lettura, è possibile pensare a soluzioni didattiche innovative.

Ad esempio:

  • Il libro come materiale di studio - Assegnare un romanzo, un saggio o un classico in sostituzione al materiale di studio non solo può aiutare ad affrontare il programma da una prospettiva inedita, ma può anche avvicinare ai ragazzi alla lettura, che verrà percepita come un sostituto interessante e meno impegnativo rispetto al classico libro di testo. Inoltre, assegnare la lettura come “compito a casa” permetterà ai docenti di calibrare il carico di studio dei ragazzi, senza appesantirli con richieste eccessive.
  • Il libro come attività inclusiva - I libri che amiamo dicono molto di noi, delle nostre paure, desideri, speranze e interessi. Per questo motivo può essere un utile strumento di didattica inclusiva. Ad esempio, in sostituzione della canonica presentazione il primo giorno di scuola, si può chiedere ai ragazzi di presentare se stessi attraverso un libro: Se fossi un libro sarei …., perché … . I titoli possono poi essere raccolti in un grande poster appeso in classe, da aggiornare ogni qualvolta i ragazzi vogliono condividere con la classe un titolo che hanno particolarmente apprezzato. Questa è un’ottima soluzione per presentarsi, conoscersi e anche fare amicizia
  • Il libro come attività extracurricolare - Perché non organizzare in classe un bookclub? Il miglior modo per educare gli alunni alla lettura è trasmettere loro l’importanza dei libri, dedicando tempo e attenzione. Per questo motivo, mezz’ora alla settimana, magari nell’orario di italiano, potrebbe essere dedicata alla lettura ad alta voce in classe, una sorta di bookclub in cui si legge insieme e ci si scambia poi opinioni e pareri. È importante fissare alla fine dell’anno un momento di confronto libero e senza giudizi e valutazione. Se le ore in classe non dovessero essere sufficienti, si potrà chiedere ai ragazzi di concludere la lettura a casa: saranno sicuramente più incentivati dalla curiosità di scoprire il finale della storia!

 

 

Come individuare i libri giusti per i ragazzi

Ma come fare a individuare i libri giusti?

Trame adatte alle diverse fasi di crescita in grado di coinvolgere e destare attenzione, incentivando il desiderio di andare fino in fondo, per scoprire come finisce la storia. Per venire incontro alle diverse esigenze, è necessario scegliere il titolo giusto, in grado di conquistare il cuore, lasciando un dolce ricordo per molti anni. 

Per questo motivo, è importante porsi dalla prospettiva dei giovani, senza lasciarsi influenzare dai propri gusti o preferenze, ma andando a intercettare quelli che possono essere i temi cari a bambini e adolescenti. Inoltre, un altro aspetto importantissimo è quello di favorire la scelta, affinché la lettura non venga percepita come un’attività imposta. Ad esempio, una soluzione utile è la creazione di una lista di libri selezionando, tra i romanzi da leggere per ragazzi, una decina di titoli in base al tema desiderato e alla fascia di età a cui sono destinati. Tra questa lista, i ragazzi potranno poi scegliere liberamente il libro da leggere, magari dopo aver consulato la trama o sfogliato alcune pagine.

 

Noi di Scuola.net abbiamo selezionato 10 libri da leggere prima dei 20 anni che potranno entrare nell'elenco di quelli da suggerire ai vostri alunni.

 

10 libri da leggere prima dei 20 anni

 

Il lupo della steppa di Hermann Hesse

 

Un capolavoro del grande maestro Hesse che racconta, nello stile accattivante e coinvolgente che solo lui sa utilizzare, la storia di Harry Haller, un giovane che decide di isolarsi dal mondo per superare quel conflitto interiore che gli causa sofferenza: un contrasto irrisolvibile tra la sua umanità, fatta di spirito e intelletto, e il lupo che rivendica la sfera indomabile e selvaggia fatta di istinti e passioni. Un tema importante che riguarda gli adolescenti molto da vicino, una lotta continua tra l’adesione ai valori elevati e il peso degli istinti, che spesso non si riescono a controllare.

Come superare questo blocco interiore? Chi riuscirà ad aiutare il giovane Harry?

Solo una giovane donna, con coraggio e un’innata dolcezza, sarà in grado di rieducarlo e risvegliarlo dal torpore in cui è caduto, riportandolo sulla strada della normalità.

 

Sulla strada di Jack Kerouac

Ideatore della Beat Generation, Sulla strada non è un semplice libro ma un manifesto che parla della gioventù ribelle che rivendica libertà e autonomia, anche quando è consapevole di non saperla gestire. La storia ruota intorno al personaggio di Sal Paradise, un newyorkese giovane e con un sogno nel cassetto, quello di diventare uno scrittore di successo, alla ricerca continua di nuove ispirazioni e di stimoli per la sua fantasia.

La vera spinta verso il futuro?

L’incontro con Dean Moriarty, un giovane uscito da poco dal riformatorio per un furto, che si mantiene facendo il parcheggiatore in città. Pur essendo diversi, distanti socialmente e culturalmente, tra i due sboccia un’amicizia sincera che li porterà a viaggiare insieme attraversando l’America. Il viaggio sulla strada, ovviamente, è simbolo del percorso umano di crescita che i due affrontano e che apre loro la mente alla differenza tra il male e il bene, a riconoscere il pericolo e anche a lasciarsi danneggiare da situazioni rischiose per pigrizia e indolenza. La tensione è continua e si avverte in ogni pagina del romanzo, un testo-simbolo che cambia il modo di considerare il percorso dall’adolescenza all’età adulta.

 

Fight club di Chuck Palahniuk

Se la classe che vi trovate innanzi è in pieno tormento giovanile, questo è il libro che fa per voi: un romanzo cult che ha trasformato intere generazioni grazie alla personalità travolgente di Tyler Durden, un giovane accattivante e carismatico in grado di cambiare la vita di un adolescente introverso e annoiato dalla quotidianità, sofferente a causa di un disturbo del sonno che lo tiene sveglio senza dargli tregua. Insieme i due giovani, diversi ma entrambi tormentati, si addentrano in un circolo pericolosissimo di lotta clandestina che sfrutta la classe dei lavoratori iper sfruttati e con la voglia di sfogare la loro rabbia e frustrazione nella forza e nella violenza. Ovviamente, il giro criminale in cui finiscono diventa più grande di loro aprendo la porta al dramma delle generazioni moderne: sempre in cerca di qualcosa, insoddisfatti ed eternamente in bilico tra la ricerca della normalità e la spinta agli eccessi.

 

Il signore delle mosche di William Golding

Affascinante, travolgente e trascinante, un romanzo che stimola alla lettura avventurosa, adatto sia ai ragazzi delle scuole medie che delle superiori. La storia ha inizio con l’evacuazione di un aereo proveniente dal Regno Unito che si schianta su un’isola disabitata. L’aereo è carico di ragazzini spaventati che vivono autogestendosi con regole molto precise, che però non riescono a rispettare per molto tempo. La situazione velocemente precipita e i ragazzi, all’inizio educati e collaborativi, regrediscono in modo vorticoso, tornando ad uno stato semi-brado. Da questa circostanza vengono fuori situazioni estreme che vanno dagli atti violenti a comportamenti antisociali e bestiali.

Perché proporlo ai ragazzini delle nostre generazioni?

In un periodo di chiusura come quello che stiamo vivendo a causa del Covid-19, i nostri adolescenti stanno tirando fuori molte problematiche proprie della natura umana che prima erano arginate dalla socialità, dal rispetto di regole imposte dalla scuola, dallo sport e da quelle le attività in grado di creare aggregazione e comunione, oggi purtroppo venute meno.

 

Storia di Luis Sepúlveda e del suo gatto Zorba di Ilide Carmignani

Un altro romanzo adatto ai più piccoli: il racconto di Luis Sepúlveda e della narrazione della sua vita all’amico pelosetto di nome Zorba. Non è un romanzo complesso, né un libro simbolo ma una storia semplice e accattivante che fa sognare e al contempo permette di avvicinare i ragazzini alla letteratura, scoprendo loro il mondo dei grandi autori.

 

La solitudine dei numeri primi di Paolo Giordano

Il romanzo che ha reso famoso Paolo Giordano, un’opera ricca di sentimenti che racconta la storia di Mattia e Alice, due ragazzi torinesi accomunati da un’infanzia difficile e un’adolescenza travagliata che riescono a superare grazie alla loro amicizia speciale. Il rapporto intenso che vivono, infatti, diventa un vero e proprio spiraglio nel tunnel buio che vivono dentro e fuori: complici quando sono insieme, non riescono comunque a trovare serenità nella loro vita quotidiana né vera felicità, il motivo? I due numeri primi possono avvicinarsi ma mai unirsi completamente. Si tratta di una storia struggente in grado di aprire cuore e mente, per dare coraggio ai giovani che vivono situazioni familiari complesse e una speranza a chi vuole uscire dall’oscurità del dolore.

 

Questo libro è gay di Juno Dawson

Un argomento difficile da trattare nel modo giusto che l’autore spiega con parole e immagini. Juno Dawson, in Questo libro è gay, affronta il tema dell’omosessualità e del mondo che ruota intorno alla comunità LGBTQI+, sdoganando molti fasi miti. Con il famoso vignettista statunitense Spike Gerrell, il libro affronta il tema in modo pulito, equilibrato e sensibile per mettere chiarezza non solo su questioni ancora poco conosciute, ma per dare forza a coloro che si trovano nell’ombra della vergogna e del senso di colpa. Si tratta di un volume che serve in primo luogo ai docenti, talvolta impreparati a parlare di questo tema, ma anche al gruppo classe, che si sente spronato a manifestare apertamente il proprio punto di vista.

 

Il quaderno di Maya di Isabel Allende

Maya Vida è la protagonista di questo romanzo, una giovanissima intrappolata nel tunnel della droga e dell’alcol che vive un’adolescenza in continua fuga da poliziotti e spacciatori. Per trovare pace, Maya si rifugia in un’isola a Sud del meraviglioso Cile, dove inizia a sperimentare una vita fatta di cose semplici, pulite e finalmente libera da vizi e dipendenze. In questo percorso di crescita, Maya troverà sé stessa, ritrovando la felicità. Si tratta di un romanzo consigliatissimo per i ragazzi della terza media e dell’intero percorso delle scuole superiori: un vero e proprio viaggio nel mondo delle dipendenze dal quale la protagonista riesce a uscire solo crescendo, impegnando energie e forza di volontà fino al giorno della luce.

 

Non sono quel tipo di ragazza di Lena Dunham

Dissacrante, ironico e avvincente, Lena Dunham tratta il tema del femminismo in modo estremamente realistico, ponendo l’accento su una mentalità maschilista e patriarcale sempre più destrutturata, a cui le giovanissime fanno guerra ogni giorno, già dalle scuole elementari, mostrando la loro forza anche in situazioni di evidente svantaggio. Un romanzo simpatico ed effervescente che ha dato vita anche alla serie televisiva Girls, seguita da milioni di adolescenti. Non sono quel tipo di ragazza si inserisce perfettamente nei programmi di italiano e di inglese, per introdurre vivaci dibattici a proposito della differenza tra uomini e donne e dei progressi del gentil sesso nel mondo civile.

 

Piccole donne di Louisa May Alcott

Terminiamo la lista con un best seller conosciuto in tutto il mondo, un classico intramontabile che ha fatto sognare e commuovere intere generazioni. Piccole donne è il romanzo femminile per eccellenza, una storia familiare in cui si intrecciano passioni nascoste, desideri, ambizioni e delusioni comuni, problemi legati all’adolescenza e del difficile percorso per diventare adulte responsabili e forti. Il libro racconta la storia di quattro sorelle e della loro vita, delle difficoltà che incontrano e del combattimento interiore contro i nemici invisibili che sono dentro di loro. Si, Piccole donne fa bene al cuore, invita alla lettura e al termine del racconto sembra quasi di appartenere alla famiglia Alcott.