La scuola non si ferma e accorcia le distanze con il digitale

MONDO SCUOLA - 17 marzo 2020

SCARICA IL PDF CON L'INDAGINE COMPLETA

 

La recente indagine promossa da La Fabbrica, a cui hanno partecipato 1933 docenti delle scuole di tutto il territorio nazionale, mostra che il 44% degli insegnanti intervistati dichiara di utilizzare piattaforme di didattica a distanza, il 36% utilizza invece classi virtuali, il 32% condivide via e-mail materiali multimediali e il 18% fa lezione attraverso webinar e videoconferenze.

 

Si tratta di un trend attivato dal contesto emergenziale in cui ci troviamo: per il 60% dei docenti è infatti il primo approccio con l’insegnamento a distanza, con riscontri positivi per il 56% e abbastanza soddisfacenti per un altro 36%.

 

La scuola italiana reagisce dunque ai recenti avvenimenti scoprendo con entusiasmo nuove modalità di didattica collaborativa a distanza. Grazie al digitale proseguono le lezioni e si condividono contenuti dei programmi didattici in tempo reale, nonostante l'impossibilità di frequentare i propri istituti per diverse settimane.

 

Ovviamente non mancano il rimpianto per la mancanza del rapporto diretto e la vicinanza con gli studenti e le difficoltà, tra cui la qualità della connessione internet, la capacità di stimolare l’interesse e l’attenzione dei propri studenti anche a distanza e il fatto che il 92% dei docenti necessita di un supporto per ottimizzare le nuove modalità di insegnamento, anche in termini di materiali didattici già fruibili come piattaforme interattive o game online.

 

In questo contesto, Scuola.net mette a disposizione risorse digitali, corsi di formazione online e webinar, offrendo un ulteriore supporto ai docenti attraverso il numero verde 800.049229.

 

SCARICA IL PDF CON L'INDAGINE COMPLETA

News correlate